Cerca
  • Equipe Antenna 00100

Come cambia vita di operatori e ragazzi al tempo del coronavirus? ( di Sabrina De Angelis)

Aggiornamento: 29 giu 2020

In questo periodo di disorientamento e isolamento sociale si può dire che questi ragazzi si ritrovano a vivere una quarantena obbligatoria: vietate le uscite, vietati gli ingressi da parte di esterni in struttura; questo a tutela tanto della salute degli operatori, quanto dei ragazzi che vivono presso la comunità. Questi ragazzi non possono più fare merenda al parco, non vanno più a scuola - anche se grazie ai docenti e ai coordinatori è stato reso possibile continuare a fargli fare attività didattiche che consentono loro di rimanere, per quel che è possibile, in allenamento. Le uniche persone che questi ragazzi vedono sono noi operatori che ci alterniamo ad ogni cambio turno. Questi ultimi, a maggior ragione, si trovano a dover adottare cautele per l'incolumità loro e dei ragazzi, anche se in questo periodo, a causa della non reperibilità dei DPI che dovremmo avere per diritto, chi come noi lavora in ambito sanitario-assistenziale si ritrova a lavorare con poca tutela. Noi operatori, pur sentendoci preoccupati, dobbiamo continuare a essere lucidi e professionali, a gestire la nostra angoscia e ansia, perché questi ragazzi con cui lavoriamo riescono a capire lo stato di chi hanno di fronte anche solo attraverso lo sguardo e la tonalità della voce. Ci sono ragazzi che trovano conforto semplicemente attraverso un tenerli per mano. Per esempio, una ragazza residente nella comunità chiede spesso "coccole" e questo include abbracci, baci e carezze, e pur sapendo che non sarebbe consentito si cerca comunque di fargli capire che l’operatore c’è ed è lì per lei. O ancora, sempre la stessa ragazza quando chiede di andare da "moma", cerchiamo di rassicurarla cercando di farle capire che noi per lei ci siamo, malgrado le direttive siano quelle di limitare gli incontri con esterni.

È ricollegandomi a questo ultimo esempio che mi viene da esporre un pensiero: a quanto questa pandemia abbia messo in luce l’importanza delle relazioni, dell’amore di un figlio o di un genitore.


Sabrina De Angelis

16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Che giorno è? (di Federico Sacchi)

Prima del coronavirus Ogni martedì e giovedì si va in piscina, dalle 10.30 alle 12.00. Prima ci si mette il costume, si prepara la borsa per la piscina. Si esce, si prende il pulmino, si arriva in pis

Un invito al dialogo (di Gianni Ruscio)

In questi giorni di Pandemia, all'Antenna, come nel resto del mondo, il tempo sembra essersi fermato. O meglio, la nostra scansione del tempo sembra essersi fermata. La quotidianità come la conoscevam

Finirà (di Lorenzo Perfetto)

Finirà. Speriamo di sì, credo di sì. Ma sarà tutto come prima? Queste sono le domande che tutti i giorni ci facciamo. In struttura noi operatori arriviamo consapevoli che per ora non possiamo più abbr